Tag Archive controllo

Ragazzi e internet, una guida per evitare di cadere nelle maglie della rete e per uscirne

Fonte: http://www.repubblica.it

La chiave è essere più consapevoli. Dalle dipendenze al cyberbullismo, fino al sexting: quali sono i comportamenti patologici o rischiosi, come riconoscerli e intervenire. Una guida contenuta nel nuovo libro Adolescenti nella rete.

 
CYBERBULLISMO, dipendenza, relazioni virtuali: il web in certi casi può diventare una trappola, soprattutto per gli adolescenti, in una fascia d’età ancora molto fragile. Non è un caso che oggi sia appena stato pubblicato, sulla rivista European Neuropsychopharmacology, il Manifesto per la creazione di una rete di ricerca a livello europeo dedicata ai temi del bullismo, del gambling, della pornografia e anche all’uso eccessivo dei social. Perché può capitare di cadere e rimanere imbrigliati nelle maglie della rete: l’importante è riuscire a chiedere aiuto e intervenire tempestivamente. Oltre a questo manifesto, per guidare insegnanti, genitori e gli stessi ragazzi a comprendere meglio il mondo di internet, i suoi vantaggi e i pericoli, dal 25 ottobre arriva in libreria Adolescenti nella rete. Quando il web diventa una trappola (L’Asino d’oro Edizioni, collana Bios/Psiché Adolescenza, 14 euro), un testo che si propone come guida chiara per districarsi dagli intrecci della rete. Come? Prima di tutto conoscendola.

 
LE CAUSE DI UN USO IMPROPRIO
Se da un lato famiglia, educatori e giovani non devono mai abbassare la guardia, dall’altro lato non deve esserci allarmismo e paura nell’utilizzo di internet, che rimane un mezzo utile dal punto di vista dell’apprendimento e della condivisione rapida delle informazioni, come spiega Assunta Amendola, psicologa dell’età evolutiva – che insieme ai colleghi e psicoterapeuti Beniamino Gigli e Alessandra Maria Monti ha scritto il libro – ricordando che la maggior parte degli adolescenti ne fa un uso piuttosto appropriato e non patologico. “Soltanto in determinati casi possono manifestarsi problematiche serie, come dipendenze o cyberbullismo, con effetti anche gravi, dall’isolamento sociale alla depressione, fino al suicidio”, chiarisce Amendola, “problemi che però non sono causati di per sé da internet o dai videogiochi, ma che rappresentano la spia di un disagio o di una condizione patologica preesistente”.
Non soltanto abusi, violenze fisiche e traumi manifesti subiti dal bambino, possono essere responsabili di comportamenti violenti o patologici: “Spesso si tratta invece di carenze invisibili nella sfera affettiva, vissute in una fase molto precoce, di cui non si ha memoria cosciente, come quella neonatale o della prima infanzia, in cui nonostante un accudimento materiale corretto da parte delle figure parentali la relazione può essere priva di una profonda dimensione affettiva essenziale per un corretto sviluppo psico-fisico, secondo la teoria dello psichiatra Massimo Fagioli”.

 
DAL CYBERBULLISMO AL SEXTING
Passando dalle cause ai problemi, uno degli esempi più manifesti e noti è quello del cyberbullismo, spiega l’esperta, che può avere conseguenze devastanti anche più del bullismo tradizionale, vista la rapidità e la capillarità di internet nel diffondere le informazioni. “In una classe di scuola media superiore è capitato il caso di un ragazzo, cui era stato attribuito, come se lo avesse scritto lui stesso, un messaggio di testo dal contenuto offensivo, dunque una forma di cyber-calunnia con diffamazione”, racconta Amendola. “In questo caso, in primo luogo lo studente, supportato dai genitori, ha semplicemente spiegato, sulla chat stessa, di non essere l’autore di quel messaggio, ma di essere stato vittima di bullismo: un esempio di azione immediata ed efficace, che spesso gli adolescenti non sono in grado di compiere, a causa della vergogna o di altri meccanismi psicologici, considerando anche la fragilità tipica di questa età”. Ma se si tiene l’accaduto per sé, per paura o imbarazzo, il rischio è che la situazione peggiori o si complichi, con effetti negativi maggiori per la vittima. Al di là dell’episodio specifico, inoltre, se l’insegnante o il genitore si accorge di un problema – sia che l’adolescente ne sia vittima sia che ne sia autore – è bene chiarire in prima battuta con lui attraverso il dialogo, prosegue l’esperta, perché a volte si tratta di azioni frutto di fraintendimenti o errori che soprattutto a questa età possono capitare.
Un comportamento da evitare secondo l’esperta è poi quello del sexting, ovvero la trasmissione di informazioni, immagini, testi e video con contenuti a sfondo sessuale. “In questo caso raccomandiamo ai ragazzi di non diffondere mai tramite piattaforme internet, neanche fra amici, contenuti personali e intimi che non desiderano rendere pubblici”, rimarca Amendola. “Può accadere infatti che questi messaggi circolino all’interno di una cerchia di persone più ampia, volontariamente o involontariamente, e abbiano una diffusione molto maggiore di quella che immaginano i ragazzi, molto spesso inconsapevoli della potenza del mezzo: altra ragione per cui famiglia e scuola devono assolutamente avere un ruolo educativo anche su come funziona la rete”.

 
RELAZIONI VIRTUALI
Anche le relazioni virtuali, tramite chat, applicazioni e social media possono in certi casi assumere tratti patologici. “Quando i rapporti virtuali sono limitati nel tempo e nello spazio della mente, questo di per sé non rappresenta un problema – spiega Amendola –. Quando invece ci si accorge, ed è bene prestare un’elevata attenzione, che l’adolescente si isola completamente dalle relazioni e da una socialità reale e sana, oppure che dedica tutto il tempo libero a queste chat, allora l’abitudine assume caratteristiche di una vera e propria patologia, per cui può essere necessario chiedere un aiuto esterno, psicoterapeutico o psichiatrico”. Sempre ricordando, sottolinea l’esperta, che i rapporti virtuali non sono veri rapporti, dato che non c’è un contatto fisico, emozionale e affettivo reale, che avviene soltanto dal vivo. E senza dimenticare che si può incorrere in numerose minacce, fisiche e psicologiche, dato che tramite la rete chiunque può assumere una falsa identità e tendere inganni e trappole anche molto pericolosi.

Tags, , , , ,